cantiere

29 agosto 2014 § 1 Commento

la bambina vecchia sull’orlo del giorno
senza più gonne rosa né una nonna
accondiscendente e stanca: come si
spaventa nella luce del mattino, col
silenzio delle strade e una copula distratta
nella casa vicino, lo spazzino e il suo
fruscio costante, mentre lei sonda
l’ampiezza delle gambe che non le
strappa l’infanzia di dosso.

fenomeni di collisione

28 agosto 2014 § 2 commenti

vorrei soffermarmi sulla grana della pelle
sul suo evolvere le ore del giorno, gli schermi
impacciati delle mani – come fissiamo gli occhi
senza tende a velare. siamo una nube prossima
a scoppiare, incanti incauti del cielo agostano.

26 agosto 2014 § 1 Commento

Gentile cliente, albero di ricordi, ape da miele,
Le dissi già di non badare al sole e alle sue ombre-
i sogni più strani avvengono all’ombra dei padri
e Lei ci resta in mezzo, bloccato nell’ombra,
come uno qualunque. Gentile cliente, Lei non è
uno qualunque. Mentre Lei dorme i bambini
crescono e lasciano i ventri, i vetri, aumentano le
porte in altezza. Gentile, gentilissimo cliente,
non c’è rimborso per il silenzio. Lei non ammette
il suono di quanto Le dico, Lei minaccia di non
ascoltarmi, di continuare a sognare, tutta la notte,
tutto il giorno. Come un’aquila in un film straniero:
non posso toccarLa, cliente mio gentile e lontano.
Gentile cliente, Le porgo le mie scuse, i miei più
cordiali saluti, la curva del mio seno solo visto.
Gentile cliente, gentile perduto amato cliente.

fenomeni di collisione

24 agosto 2014 § Lascia un commento

lui toglie smalto mette foglia gioca
parole scomposte, frena, sfarina
e sbatte le mani sul muro bello
per non rispondere a niente.
lui a volte millanta o nega anche.

lei di nube di pasta choux prende
tempo e stacca le persiane dal
giorno. lei fuma dita e succhia
pazzia, poi spezza, riprende
agosto sfiorandogli la nuca. è nuda.

fenomeni di collisione

22 agosto 2014 § Lascia un commento

l’acqua nera dei tuoi capelli, mani
stanche di pan poss, occhi come
resina disseccata, dove sei stata,
dove, incagliata?

fenomeni di collisione

21 agosto 2014 § Lascia un commento

la stondatura, il miracolo repentino,
la tutela assertiva del cuore: terminavo
l’inedia con un tonfo nel sole, rendevo
amore al ventre.

cantiere

15 agosto 2014 § Lascia un commento

stanotte di nuovo cercavamo parcheggio
in alta montagna, poi diventava d’improvviso
antibes, i vicoli trasognati come un bacio
con la lingua, una malinconia come fondo
di bicchiere, un rimprovero serale, una
menzogna ben orchestrata: così è
sognare. non c’è salvezza da sé stessi,
non un appiglio nelle ore successive al
silenzio- mi manca un abbraccio rincorso,
un gioco di nascondigli e sottintesi, un
gonfiore nel cuore.

Dove sono?

Stai visualizzando gli archivi per agosto, 2014 su greta rosso.