anita

I

Anita, vieni, devi
farmi delle foto.

Lascia stare la carne e la sua
assenza dietro gli occhi.

Gli scheletri ci sostengono
ma senza scelta.

Non sarà la carezza della violenza
a salvarci dalla violenza.

II

sai, anita, che quando la schiena scrive rabbia
la strada è ancora molta
o non c’è affatto

non c’è traccia di amore
nessun tessuto connettivo
questo dicono i polsi

capita, a volte,
che ci infiliamo in inverni
più grandi di noi

col tremendo timore
che un giorno i nostri cuori
si spezzeranno per diversi motivi

vedi, gli animali
si strofinano il muso in ogni caso
senza parole, ma

noi parliamo. e questa pace
ce la possiamo pure scordare.
ma se taci, se zittisci, anita,

i polsi la schiena e ogni neve
-lo possiamo fare-
basterebbe questo:

la luce impossibile abbacinante di ottobre
lo schianto dell’iride contro il cielo
e sentirselo, questo cuore, come un cuore.

Annunci

§ 2 risposte a anita

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: