un pezzo d’amore

9 agosto 2020 § Lascia un commento

con la musica che sale e scende gli inverni
portandoci su strade incompatibili
i violini che tagliano la carne delle mani:
tu riaffiori da un antro pulitissimo
dove il suono spazza e rade
e insieme seguiamo un corridoio che ci conduce
alla fine del tempo, dove siamo, dove
esistere è un dettaglio trascurabile,
dove la polvere si deposita
sui seni così roventi dell’amore,
ridisegnandoli di una parola nuova,
piccolissima, mai detta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo un pezzo d’amore su greta rosso.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: