Jack&Jack

13 maggio 2020 § Lascia un commento

Eppure piaci di più in disordine.
Quando vai a comprare le armi.
Non ti sei pettinata né hai ravviato i capelli con le mani.
Poi c’è un libro che parla di un drago e io lo installerò in un’isola.
La sporta, il denaro, un’indifferente rumore nell’aria.
Prende gli occhiali, legge con calma.
Ma la testa è altrove e in disordine.
Così si avviano le estati, sull’orlo di una primavera inesaudita.
Quartetti d’archi.
Nel freddo docile e miagolante dei pomeriggi.
Prendiamo un treno, scenderemo in una stazione a caso.
La tazza di tè bollente.
Faccende da sbrigare in ogni camera.
È un delitto continuo ma chi lo sa senza cadaveri.
Perché piaci di più in disordine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Jack&Jack su greta rosso.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: