alveo

26 maggio 2020 § Lascia un commento

qualcosa ti schiarisce le palpebre e non è
un aeroplano, una mulattiera, un disk jockey
quanto piuttosto un fraseggiare tenue
che ti apre da dentro, un quadro dipinto
senza scopo alcuno, una qualche cornice
applicante luce a quella finestra sbarrata,
così incondivisibile, così piena di trasmettitori,
così impavida e recintata, che è l’occhio.

alveo

25 maggio 2020 § Lascia un commento

molti occhi attenti, lo scrutare,
blocchi di arenaria come un allarme
quieto, disperatissimo. ci sono
ghiacci così incongrui da formare un
universo che non visto non si scioglie,
mentre l’allarme cessa: e cessiamo
di udire il tempo.

sinan

23 maggio 2020 § Lascia un commento

siamo due perdenti che tutto hanno
ottenuto, col vociare che assale le finestre
impolverate e l’ansia di saperlo, mentre piove
piove sulle braccia degli alberi che ci piantano
strada nella disparità dei minuti, e qualcosa
ci ammala che nessuno ci ha dato.

Jack&Jack

22 maggio 2020 § 2 commenti

un giorno ti porterò al mare in riviera adriatica
sulla spiaggia attrezzata, ti spoglierò viva
pensandoti sugli scogli artificiali che
ostacolano la corrente, ti farò un divano
sugli scalini delle cattedrali mai ristrutturate
di tutte quelle poche città che ho amato
alla follia e riamerei ogni giorno, ti leggerò
le storielle di rodari con la gatta che mi fa le
fusa sui piedi, ti farò le conserve, i dipinti
riprodotti coi numerini, le riserve di caccia
delle donne che escono con le amiche
il sabato sera, ti racconterò di quante volte
ogni sera mi innamoro per cinque secondi
mentre lavoro, e mi si scioglie il cuore di
tenerezza mentre tengo le gambe molto strette
passando da una sala a una cantina, e lì
mi fermo un istante, a immaginare queste vite
che ho e che non sono la mia, mentre ti porto
al mare, in città, in questo versificare sempre
uguale che scriviamo diversi e specchiati,
mentre ci litighiamo un giorno.

Lo strappo

14 maggio 2020 § 5 commenti

Io sono dodici
la bambina senza prodigio
il combattimento muto.
Fammi luce nel libro,
piccola lanterna degli anni:
fammi luce pulita.
-Chi ti manda?-
Il prodigio.
Nelle scatole allineate
che non contengono nulla.

Jack&Jack

13 maggio 2020 § Lascia un commento

Eppure piaci di più in disordine.
Quando vai a comprare le armi.
Non ti sei pettinata né hai ravviato i capelli con le mani.
Poi c’è un libro che parla di un drago e io lo installerò in un’isola.
La sporta, il denaro, un’indifferente rumore nell’aria.
Prende gli occhiali, legge con calma.
Ma la testa è altrove e in disordine.
Così si avviano le estati, sull’orlo di una primavera inesaudita.
Quartetti d’archi.
Nel freddo docile e miagolante dei pomeriggi.
Prendiamo un treno, scenderemo in una stazione a caso.
La tazza di tè bollente.
Faccende da sbrigare in ogni camera.
È un delitto continuo ma chi lo sa senza cadaveri.
Perché piaci di più in disordine.

alveo

11 maggio 2020 § Lascia un commento

se avesse senso correre
una ferita sulla fronte, un ufo, un
setacciare farina
il restare strade parallele
avere in mano una frusta rotta

fumare una sigaretta, un’altra, un’altra
ancora, considerare gli uomini folli
il narcisismo un’altra volta

se esistere fosse
un contratto scritto male
senza benefici
a parte il contratto in sé.

Jack&Jack

10 maggio 2020 § Lascia un commento

Sussurrava non copiarmi, se questa strada che io
ho corso, se questa strada l’ho tracciata e messa
sugli atlanti dove ha nome altrove, se non ho
alternativa e ancora la percorro, quando vado a lavorare,
quando si toccano le mani che non sai così
insieme, mentre loro leggono gli stessi libri,
vedono gli stessi film, senza accedere ai piani
superiori, dove piove e noi dormiamo in un letto
senza precedenti, molto collaudato.

un pezzo d’amore

6 maggio 2020 § Lascia un commento

la sparizione delle pagine di cronaca
e tu, mio piccolo terreno in pendenza,
seminato con molto amore senza badare
ai calendari, dove germogliano case
impossibili, nell’intervista dei giorni a
dichiarare: era mattina presto, udimmo
tutti un suono acuto, un allarme
pretestuoso.

Dove sono?

Stai visualizzando gli archivi per maggio, 2020 su greta rosso.