Jack&Jack

4 giugno 2017 § Lascia un commento

In questi giorni lui cede e apre il petto,
scruta il cielo e non bada alla polvere,
soccorre un uomo che ha le convulsioni
e spazza via le briciole dal tagliere con
il palmo della mano. In ognuno di questi momenti
pensa che lei è distante, come sempre
ma in maniera più nitida, con gli occhi
che si allontanano ad altissima definizione
ed è come assistere a un delitto, dormire
in un letto singolo, mangiare fino a sentire
la nausea, come una colpa, come un peccato.
Potremmo dire che chi narra
scrive una fine per non viverla, o dare la colpa
al governo, all’immigrazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Jack&Jack su greta rosso.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: