Irina

26 ottobre 2016 § 3 commenti

Fra i tetti spioventi
prati di un verde confuso
sui prati fioriscono ragni
come sentieri inconsapevoli
nel sonno delle fioriture.

Automobili impietose
nel paesaggio
preso in prestito a novembre.

I volti atterriscono.
La malattia
è un incendio pervasivo
agguanta le cellule
srotolandole.

Una successione di festività
frana nell’oceano.
La rarità
colpisce
gli inconsapevoli.

La prospettiva della morte
come una convalescenza a parte.

Alle periferie della voce
una disperazione sotterranea
scorre a fianco delle fognature.

Le lente improbabili stazioni
di una crocifissione riattata
lei vi si ferma senza poter pregare.

Qualcosa ci martirizza
nelle necessità
e la luce
la luce è qualcosa di recitato.

È lei a comandare
si fa presto
a scendere e salire.

Che ci sia un ruolo
per ognuno
questo fa pensare
a lato
che sia una vita di stenti
non più di privazioni.

Anche la sopportazione
si espianta
basta un minimo di esperienza
per ricollocarla
a livelli più alti.

La bellezza è quella cosa
che cresce ai bordi delle strade
e ci passano il diserbante
perché non sfiori nessuno.

La grazia invece
non se la fila nessuno
cresce molto più in là
dove non passa persona.

Advertisements

§ 3 risposte a Irina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Irina su greta rosso.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: