Lo strappo.

21 febbraio 2016 § 1 Commento

Nella sala ampia e buia le bambine
trovarono il lampadario impacchettato
ancora appeso al soffitto, una sedia
Thonet, la tappezzeria scurita dagli anni
e un piccolo cucchiaio da tè sulla
mensola del camino.
Questi oggetti interrompevano la loro idea di
passeggiata, sfumando il pomeriggio
in una sequenza di scoperte e segreti
nei quali rifugiarsi cantando una
filastrocca, mangiando un gelato,
guardando un cartellone pubblicitario.
Contavano le automobili rosse,
ridevano di un cane al guinzaglio.
Ripensavano alla sala col lampadario
impacchettato come a una cosa
impossibile e certa, come se fosse
un ricordo molto più vecchio di loro.

§ Una risposta a Lo strappo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Lo strappo. su greta rosso.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: