l’insostenibile

20 maggio 2015 § Lascia un commento

a un certo punto le scale sparirono.
murammo le finestre, lasciammo che
si scrostasse l’intonaco delle nostre
abitazioni. accumulavamo i piatti in
pile instabili, sui ripiani della cucina.
la plastica era un bene irrinunciabile,
e non volevamo separarcene. le porte
restavano chiuse a lungo, addirittura
le bloccammo con scatole colme di
ritagli di giornale. il mausoleo era
rappresentativo, narrava le nostre
scelte: era la tabella nutrizionale delle
persone che avevamo assembrato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo l’insostenibile su greta rosso.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: