l’ago e il pennello

30 marzo 2015 § 1 Commento

quelle spalle trapezoidali agli ingressi delle
sontuose camere da letto, dove altrimenti
ci si recherebbe in veste da camera; ma è
un impermeabile di impeccabile fattura, e
oltre la soglia una donna soffre sviene si
tocca la fronte sgombra di capelli: farebbe
pazzie, pianti e devastazioni. le spalle così
larghe dell’uomo passano lo stipite e si
stagliano oltre la cornice, oltre la scena.
a questo punto la donna – vesti di seta lei,
spalle ampissime lui – rincara la dose e
lascia cadere la mano sulla trapunta, palmo
verso l’alto. questo è un motivo che noi
replicheremo. questa è la storia che narriamo
da cento anni, e ci lega e la leghiamo nel
petto: o alle spalle.

Annunci

§ Una risposta a l’ago e il pennello

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo l’ago e il pennello su greta rosso.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: