l’ago e il pennello

3 dicembre 2014 § Lascia un commento

stucco steso a celare le giunture
stanche dell’edificio, stucco bianco,
evidente, protagonista – in mezzo
è la saracinesca abbassata fino
a due centimetri dallo scalino
d’ingresso. volantini scoloriti, ciuffi
d’erba giallastra, mozziconi di
sigaretta. il cane si avvicina piano,
fiducioso, accosta il tartufo umido
al palmo fermo dell’uomo. l’uomo
resta come in attesa di qualcosa
oltre lo scodinzolio incalzante del
cane, forse un motore acceso,
una macchina fotografica, una
folata di vento nell’aria umida e
immobile. il cielo a questo punto
si tende, assottiglia, mostra in
trasparenza una luce timida e
più calda. l’uomo sussulta, il suo
palmo si alza fino alla fronte, a
schermare gli occhi dalla luminosità
inattesa. il cane si allontana.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo l’ago e il pennello su greta rosso.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: