cantiere

25 luglio 2014 § 3 commenti

mia piccola fatina, essere immorale
cui carico sul dorso quintali di sguardi
e balsami e unguenti per farti più
narrata, esserino alato le cui ali ho
tarpato, minima e muta, così spiumata,
tu e il tuo incalcolabile peso di urla
che soffoco nelle mie tasche, molto
a fondo, molto contro le cosce, mia
femmina stilizzata, sgranata, priva
di saturazione: i tuoi colori li detengo
senza restituirteli, anche quelli del tuo
nome: ti ho fatta affossata nel mio
palmo, sei una persona che non so.

§ 3 risposte a cantiere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo cantiere su greta rosso.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: