appunti per la storia di una bambola

2 febbraio 2014 § Lascia un commento

contrae le pieghe del volto, mostrando
una misura variata dell’essere in pieno
giorno. non tradisce il meditare burrascoso
la mano posata sul tavolo, quasi fissa o
dimenticata, rassomiglia a uno specchio
d’acqua rotto da voragini minime, oppure a
un ramo che ha dimenticato il tronco e sta.
le gambe sostano consegnandosi vicine
al pavimento, solo velate da un intento
di statue di poca statura, un impercettibile
muovere restando, l’esercizio di uno stile
restio e fratto, l’impotenza delle messe
in atto impossibili da codificare. l’uomo
finisce di sbraitare, commette l’imprudenza
di chiudere la discussione. lei torna a mondare
le patate. non è successo nulla. la cena prende
forma.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo appunti per la storia di una bambola su greta rosso.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: