Poesie a Dio-Eresia

1 novembre 2010 § 1 Commento

tu sei uno spazio vuoto nel quale regna l’ordine delle apparenze
sei il libro segnato da indici e elenchi, accessibile come una strada
sei l’amore quando ha bisogno di esserlo e l’odio quando non accetta le proprie cause
sei il caos che imponendosi come regola trova il modo di regnare io
non ti credo.

Annunci

§ Una risposta a Poesie a Dio-Eresia

  • Fulvio Sguerso ha detto:

    Padre nostro che non sei nei cieli
    perché se tu fossi in cielo
    non saresti sulla terra,
    mentre se tu ci sei
    sei dappertutto, anche per non fare,
    come si dice, figli e figliastri;
    ma tu non sempre sei su questa terra
    insanguinata, violentata, saccheggiata,
    perché se ci fossi sempre non potresti
    non fermare la mano degli assassini
    (anch’essi, tra l’altro, tue creature,
    se no di chi?), a meno di non pensarti
    tanto freddo e calcolatore da aspettare
    in silenzio il giorno del giudizio
    per dare finalmente a ciascuno il suo.
    Padre nostro che sei ovunque e in nessun
    luogo, ti prego, almeno batti un colpo
    quando ti pare che la misura dell’arbitrio
    sia troppo, troppo sbilanciata a favore
    dei ricchi e dei potenti;
    a te non mancano certo i mezzi
    (anche a giudicare dalla tua Parola
    trascritta e tramandata dai profeti):
    diluvi, pestilenze, carestie, eclissi,
    terremoti, piogge di fuoco, miracoli,
    visioni, profezie apocalittiche………
    Padre nostro che fai sorgere il sole
    sui giusti e sugli ingiusti,
    e fai piovere così sulle vittime
    come sui carnefici, senza distinzione
    tra i devoti e gli empi,
    tra obbedienti e disobbedienti,
    tra superbi e umili, persecutori
    e perseguitati, riservandoti
    solo alla fine dei tempi di dare
    a ciascuno il suo.
    Padre nostro che sai aspettare
    con pazienza infinita che tutto il male
    possibile sia compiuto,
    come possiamo chiamarti Sapienza,
    Misericordia, Giustizia, Bontà
    infinita? Ti prego, Signore,
    se ti sembra che la misura dell’arbitrio
    da te concesso alle tue creature
    sia ormai oltrepassata,
    almeno batti un colpo,
    un colpo di grazia!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Poesie a Dio-Eresia su greta rosso.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: