sé.2

27 ottobre 2010 § 3 commenti

Il mio margine è solo il mio margine.
Non lo do in pasto e non lo celebro.
Lo vivo quotidianamente come
lo scarto insanabile e concluso fra me e il mondo.

Annunci

§ 3 risposte a sé.2

  • ilissili ha detto:

    Esatto

    Mi piace

  • lia ha detto:

    meravigliosa.

    (lia)

    Mi piace

  • Fulvio Sguerso ha detto:

    Come possiamo sapere,
    gentile Greta, dove finisce
    il nostro margine e dove
    comincia quello del mondo?
    Pensa solo all’espressione
    “questo è il mio mondo,
    la mia stanza tutta per me”,
    dove lo spazio e il tempo
    da esterni si fanno interni
    (e vicevera). Oppure alla romita
    stanza – anche in senso poetico –
    di Emily Dickinson,
    là dove pensa:
    “Alone, I cannot be –
    The Hosts – do visit me –
    Recordless Company –
    Who baffle Key – ……..

    I margini di un poeta
    eccedono anche quelli del mondo,
    non credi?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo sé.2 su greta rosso.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: