Poesie a Dio – Peccati Capitali

22 marzo 2010 § 1 Commento

Dove una donna si attarda a tradirsi
senza neppure il beneficio casuale di un’esistenza:
la mia casa, le mie cose, le tue uguali
io dimoro nella dimensione incostante dell’invidia
mi è invisa l’unicità essenziale di ogni uomo che incontro
e non mi resta che possederne le definizioni, brandendole
come l’ultimo scettro di un malanno privo di cura.

Annunci

§ Una risposta a Poesie a Dio – Peccati Capitali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Poesie a Dio – Peccati Capitali su greta rosso.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: