(quattro variazioni after a love song fo bobby long)

23 ottobre 2008 § 3 commenti

(senza nemmeno contare i furti)
(in p.)

il cuore è un cacciatore solitario,
spesso e volentieri intreccerebbe le dita
a fili scoperti, quindi cosa? si conosce? quanto bene?
il cuore è una porta girevole che spesso
si blocca su un vicolo cieco.

le mura dietro la tappezzeria del cuore, fradice
questo scrittore donna senza patente sa molte cose sulle case
suggerisce i nomi delle stanze
vuole amare i libri e spesso lo fa incondizionatamente
per il resto, a parte a volte il cuore, non si può dire che sappia molto.

l’ultima volta che ti ho vista eri una ragazzina e io
avevo la tua età, come ogni sera. aspettavo di tinteggiare le pareti
dei tuoi occhi dicendoti -non so- tua madre è morta ieri e
mi manca sempre moltissimo, mi manca da anni,
per quello volevo sempre che tu arrivassi.

oh, sei molto carina. fa’ come se fossi a casa tua.
prenditi cura dei gioielli sotto le costole. sorridi spesso. non giudicare.
l’unico rimedio a questi nostri cuori è tagliarsi la gola
per perdere questo oggetto inafferrabile
meraviglioso
cuore

cosa ne dici di questi stracci stesi al sole a sbiancare?

20 ottobre 2008 § 3 commenti

Noi dormiamo nel letto – ma il letto è lontano.
Muoviamo le gambe con l’intento di sondarlo
come nuotando verso un’isola – lontana.

Dove sono?

Stai visualizzando gli archivi per ottobre, 2008 su greta rosso.